Skip to content
Annunci

Mesefebbraio 2016

Lo chiamavano Jeeg Robot

Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti prende sul serio il mondo dei supereroi e lo trasferisce a Roma, Italia, giorni nostri, dove il protagonista riceve una forza sovrumana e l’invilnerabilità dopo un bagno nel Tevere, come un Superman cascato col meteorite al Tufello o un Peter Parker morso dal ragno radioattivo mentre era in gita scolastica con la scuola media alla Casaccia: cerchi di capire perche ridacchiano le femmine e il ragno è là, nascosto, e ti morde. E diventi l’Omo Ragno.

Annunci

Frequently Asked Questions about Friday ovvero Coccinema consigliami un film per il weekend: 26 febbraio

Lo chiamavano Jeeg Robot è il film capolavoro italiano del momento e visto che ne saltano fuori uno o due all’anno, se va bene, è già il film dell’anno e il cinema del 2016 puo finire qui, pure il 2017, con un Santamaria che interpreta la nemesi del Dandi ovvero un criminale sfigato e che se veste male e vole fa er supereroe co le scarpe de camoscio e Luca Marinelli che è un cattivo degno dei film amerigani, il tutto dentro una Roma metallica di periferia, scossa dalle bombe e dall’amore del cattivo del film (Lo Zingaro, Salvini salvace) per le canzoni della Bertè e Anna Oxa. Poi c’è Ilenia Pastorelli che è una gran gnocca, una gnocca enorme.

Vinyl, Pilot recap

Che cos’è?
La serie che Jagger ha creato per trovare lavoro al figlio e che Scorsese usa per giocare al bimbo cattivo con Bobby Cannavale e l’ultimo indirizzo conosciuto in cui Terence Winter libera parole e dialoghi e storie.

Trumbo oppure L’ultima parola-La vera storia di Dalton Trumbo

Trumbo è un biopic straordinariamente coeso e coerente, senza gusto alcuno per l’aneddoto fine a e stesso tanto fa carino mette npò de cazzate, ma con una storia da raccontare e una teoria da dimostrare; con una grandiosa Helen Mirren nei panni del villain, ancora più cattivo e spietato della sua Morgana in Escansibar ops Excalibur e con John Wayne che fa la parte del leccaculo renitente alla leva.
Che poi da uno con un cognome come Trumbo ti aspetti almeno una scenetta su un divano con un’attricetta invece gnente al massimo qualche bacetto agli uccellini di cui Trumbo era appassionato custode.