Skip to content
Annunci

Tagwoody harrelson

The War - Il pianeta delle scimmie manifesto

The War – Il pianeta delle scimmie: quando la scimmia è più umana dell’umano

Contrariamente a quanto annunciato nel titolo, The War – Il pianeta delle scimmie non è un film “di guerra”, non in senso classico. Il conflitto è dentro l’animo del protagonista, … Continue Reading The War – Il pianeta delle scimmie: quando la scimmia è più umana dell’umano

-Siamo tutti nello stesso ghetto, una fogna gigante nello spazio (Cohle, S01E01)

-Giorni di nulla, è così quando lavori a un caso., Giorni come cani smarriti (Cohle,  S01E02)

-Credo che col tempo tu abbia sviluppato una sorta di sordità selettiva (Maggie,  S01E02)

-Sei il Michael Jordan dei figli di puttana (Marty,  S01E04)

-Io vedo la tua anima in fondo ai tuoi occhi, ti corrode come un acido. Hai un demone che ti divora dentro (Il cuoco a Rust, S01E05)

-Questo è un mondo in cui niente viene risolto (Marty,  S01E05)

-Il tempo è un cerchio piatto. Tutto quello che abbiamo fatto e faremo, lo faremo ancora e ancora e ancora. (Rust, S01E05)

-Un uomo vero se lo ricorda sempre quando ha qualcosa per cui farsi perdonare. (Rust, S01E07)

-Una vita basta per divenare bravo in una cosa sola
-Quando basta
-Quindi devi state attento a cosa diventi bravo (Dialogo tra Rust e Marty, S01E07)

-Cazzo odio questo posto, niente cresce nella giusta direzione. (Rust S01E07)

-La mia vita è sempre stata un circolo di violenza e depravazione. È ora di chiuderlo. (Rust S01E07)

Permanent link to Le battute migliori di True Detective

Serial&Co(cci)/E’ True detective la serie dell’anno? Ah, bo, però cazzo come ho goduto

Che cos’è? Nel 1995 due detective indagano su un misterioso omicidio. Diciassette anni un nuovo assassinio con le stesse modalità del precedente avvia una nuova serie di indagini e i … Continue Reading Serial&Co(cci)/E’ True detective la serie dell’anno? Ah, bo, però cazzo come ho goduto

defendor

Prima visione – Laudi di Batman, di Spiderman, di Iron Man e degli anti-eroi

Difficile scrivere di Defendor. Non è un film su un supereroe, tanto meno uno dei fumetti, perché il protagonista non lo è. Defendor è la storia di un outsider, una persona con un QI di 80, un Forrest Gump, che si ritrova incastrato nel mondo immaginato dai fumetti, dai supereroi e dalle storie che gli hanno raccontato suo madre e suo nonno. Defendor non è certo l’eroe interpretato da Tom Hanks e raccontato da Robert Zemeckis. Non si tratta nemmeno di una di quelle storie che piacciono tanto agli attori fighi di Hollywood, che narrano piccoli traumi familiari, uno con Benicio del Toro, per dirne uno, o Halle Barry o Billy Bob Thornton o William H Macy.