Vai al contenuto
Annunci

Avengers – Infinity War: Lasciate ogni speranza voi che… spoiler

avengers infinity warTempo di lettura 3’57’’

La misura della corsa senza fiato rappresentata da 2 ore e 40’ di Avengers: Infinity War è nella scena iniziale che raccontiamo avvisandovi degli spoiler. Mentre ancora ci stiamo sistemando nella poltrona, guardando con sguardo truce quello dietro di noi che continua a scalciare la nostra poltroncina che pare Cristiano Ronaldo, quello accanto che non spegne il cellulare e chi, con il faro del telefono acceso, cerca il proprio posto, pronti e via l’astronave asgardiana che avevamo lasciato alla fine di Thor: Ragnarok mentre ascoltava i Led Zeppelin è stata attaccata e distrutta da Thanos, il popolo di Odino sterminato, i suoi figli, adottivi e naturali, prigionieri, Hulk malmenato ed entrato in crisi di autostima. Il messaggio è chiaro: Infinity War sarà un massacro.   

Siamo nello spazio, in media res, dove un’astronave ha abbordato e sopraffatto l’altra e si mietono anime e catturano prigionieri, evocando un’altra grande apertura, quando un piccolo battello diplomatico fu intercettato da un incrociatore imperiale e uno dei più grandi cattivi della storia del cinema fece il suo ingresso al suono di fanfare. Iniziamo e Anthony e Joe Russo mostrano solo l’esito dell’attacco – Thor (Chris Hemsworth) e Loki (Tom Hiddleston) incatenati e ricattati da Thanos (Josh Brolin) – appoggiandosi agli altri fratelli e cugini di primo e secondo grado del Marvel Cinematic Universe, come se fosse il seguito diretto di uno di loro, in una sorta di bingewatching in cui semplicemente passare da un episodio all’altro. E dopo 10 anni e 18 film, anche Feige, Stan Lee e i fratelli Russo hanno finalmente capito che senza un cattivo coi controcazzi e una sacca scrutale sulla faccia non si va da nessuna parte: Avengers 3 ha un grande villain, rebel with a cause, crudele, ma perché ha un piano superiore. Un progetto che parla al nostro tempo: l’universo è malato di troppa gente, c’è fila per comprare le caramelle gommose, bisogna dare una bella botta alla sovrappopolazione. Thanos vuole le pietre dell’infinito per uccidere metà degli esseri viventi e restituire equilibrio alla vita.

In media res scrivevamo: Avengers: Infinity War è il film più lungo della saga Marvel ma non c’è tempo da perdere: corriamo forte tra duelli, scazzottate, battaglie stellari, viaggi intergalattici, flashback, collera divina, fuoco e zolfo che piovono dai cieli, fiumi e oceani che bollono, sacrifici umani, cani e gatti che vivono insieme! Masse isteriche! Nani stellari e Peter Dinklage che compare a sorpresa come è altrettanto sorprendente la mano sicura con cui i fratelli Russo dirigono il circo tra New York, Wakanda, Titano, luoghi imprecisati nella nostra galassia, battaglia di terra, botte da orbi stile Bud Spencer e Terrence Hill, navi stellari in fiamme al largo dei bastioni di Orione. Tutto ha una sua filosofia, un filo rosso che cuce la storia di ciascun personaggio e si esprime fin dentro le scene di azione. Nel braccio di ferro tra Captain America e Thanos, visibile anche in uno dei trailer di Infinity War, lo scontro tra un uomo e un’entità superiore pressoché onnipotente, tra il cuore e la forza di volontà di Steve Rogers contro la ferrea e spietata determinazione di Thanos sono dentro ogni singola piega del viso del supereroe e nello stupore del titano che non riesce a schiacciare un “semplice” uomo con la forza delle sue pietre dell’infinito. Trascinando noi e secoli di tragedie greche dentro quella stretta tra mani che si odiano.

avengers infinity war doctor strange tony stark

Ciò esaltato dal perfetto equilibrio, degno ancora la volta del manuale Cencelli di Kevin Feige, in cui tutti i personaggi dell’universo Marvel hanno il loro momento di gloria, l’attimo che giustifica 18 film in dieci anni attraversati tra alti e bassi, in cui, in una perfetta verticalizzazione dell’immaginario visivo e verbale di ogni carattere, in una linea di dialogo, dentro uno sguardo, nella linea d’aria tracciata da un gesto, nel rettangolo espressivo di un’inquadratura riescono a giungere al centro del significato, della motivazione, di un’essenzialità da cinematografia alta.

Contrariamente a quanto accaduto nei precedenti film Marvel diretti dai Russo (Winter Soldier, Ant-Man e Civil War) le scene d’azione non hanno solo proprie emozioni, ma una chiarezza espressiva e una cura che faticavamo a riconoscere ai due fratellini. Insomma, l’azione è tostissima, è un continuo spaccare culi e gli Avengers le danno e soprattutto le prendono forte come mai prima d’ora, anche gli scagnozzi di Thanos non pettinano certo le bambole ma staccano loro la testa e le impalano, c’è sofferenza e dolore, ma anche una prepotente anima da commedia, come sempre nei cinecomic Marvel, così che la durata monstre a cui accennavamo vola via veloce come i corvi che attraversano Westeros in un batter di ciglia. È troppo? Non so… Mi risulta difficile pensare a una fine del mondo che non sia essere sotto 5-0 in una semifinale Champions League, ma non penso che avrei così tanta voglia di scherzare o sparare battute che manco da Jimmy Fallon quando mezzo universo sta per diventare cenere. Ognuno ha i suoi punti di rottura, il mio è stato il “trombamico” e l’Hulk in crisi di identità, la prima l’ho trovata una leggerezza eccessiva, la seconda una scorciatoia facile facile. 

Sono difetti piccoli, a mio modo di vedere e per come amo il cinema di questo genere. Finalmente l’espressione “Il migliore Marvel di sempre” ha la sua perfetta declinazione e le chiacchiere fatte in passato su come e perché un film d’azione possa aspirare a premi e riconoscimenti de “l’altro cinema”, quello dei Maestri per dire, qui forse trova il perfetto gesto di sconfinamento. Come Logan lo scorso anno e più di Wonder Woman, Avengers: Infinity War merita di stare al tavolo dei grandi senza dover chinare la testa. 

bianca nanni moretti pagelle stellette cinema coccinema****½ Fa un po’ di tutto, anche se tutto quello che fa è bello ma inutile, un po’ come la matematica pura: magari non serve, ma è sublime.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: