Vai al contenuto

Come vendere la droga online (in fretta), la recensione

Moritz è un nerd e il suo amico Lenny è un nerd. Insomma, forse il mondo sarà loro, ma quando sei ancora adolescente rischi di essere uno sfigato. Moritz però ha una fidanzata, Lisa, stanno insieme da diversi anni, che sta per tornare da un periodo di studio negli Stati Uniti, ma a quanto pare, la ragazza ha saltato la cavallina nel suo anno sabbatico e al ritorno, molla Moritz, il quale disperato, inizia a spiarla. Crede che Lisa frequenti Dan, il ragazzo figo del liceo, che per arrotondare la mancetta del papà ex calciatore e la mamma banchiera vende ecstacy ai ragazzi di Rinseln, la loro cittadina. Così Moritz decide di prendere la start up creata per una ricerca scolastica (capito, in Germania mica attaccano figurine sui quaderni) insieme al suo amico Lenny e la sfrutta per vendere la droga online (in fretta). 

Ecco la trama di Come vendere la droga online (in fretta), di cui Netflix ha reso disponibile per lo streaming la seconda stagione dallo scorso 31 maggio 2020. 

Episodi massimo di mezz’ora, montaggio frenetico, concatenazione degli eventi veloce, la prima stagione non lascia il tempo di riprendere il fiato. Come vendere la droga online (in fretta) è aiutata nella immediatezza del suo messaggio da un linguaggio visivo giovane (largo uso della messaggistica sullo schermo, ad esempio, anche se a volte un po’ difficile da seguire con i sottotitoli) e una inaspettata verve comica. 

Purtroppo la seconda stagione perde gran parte della verve, per puntare su argomenti più seri come le famiglie che si spaccano e i giovani abbandonati a se stessi.

«C’è chi è nato per studiare e chi è nato per zappare» 

La storia vera

La serie tv è raccontata da Moritz durante un’intervista televisiva alla quale il ragazzo è sottoposto dopo la scoperta del caso di cronaca che lo riguardo. Forse non sapete che Come vendere la droga online (in fretta) è tratto da una storia vera, quella di Maximilian, diciassettenne di Lipsia, che alcuni anni fa guadagnò diversi milioni in bitcoin vendendo droga online con un sito da lui creato. Capito ragazzi tedeschi come si buttano subito dentro alle idee imprenditoriali? Mica come i ragazzetti italiani che vendono pasticche per strada. Forse, un po’ di spirito di iniziativa, forza. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: