Vai al contenuto

TagSerie TV

Downton Abbey, Beautiful in corsetto

Downton Abbey è una serie tv britannica in costume, un Beautiful che ce l’ha fatta, una telenovela di classe con la nobiltà inglese e la sua servitù al posto dei latifondisti fasci e i loro schiavi sudamericani, un romanzetto rosa tra le parole “so ricco da fa schifo e nun ciò un cazzo da fa’ tutto il giorno”.

Jupiter’s Legacy

Jupiter’s Legacy è la serie televisiva in cui un gruppo di supereroi vecchi deve fare i conti con i rimorsi e le cazzate che ha fatto, incalzata da una nuova generazione di eroi e cattivi. La serie tv è frutto dell’accordo tra Netflix e Millarworld, l’etichetta di Mark Millar, ideatore, tra gli altri, dei fumetti di Kick Ass e di Civil War, ed è tratta proprio dal fumetto che Millar diede alle stampe nel 2013 con i disegni di Frank Quitely.

Barry, la recensione di una bella sorpresa

Sbarcato in sordina su Sky e NOW, Barry è una dark comedy su un killer che sbrocca e, reduce dall’ennesima missione assassina, stavolta nell’assolata Los Angeles, decide di frequentare un corso di recitazione, ma i guai, la malavita, gli ammazzamenti e le pallottole continueranno a  inseguirlo, malgrado lui sia convinto di essere una brava persona.

Speravo dei morì prima, la serie tv su Totti, un po’ troppo cinepanettone e troppo poco The Last Dance

Speravo de morì prima è la serie tv che racconta gli ultimi scampoli di carriera di Francesco Totti ed è disponibile su Sky e Now Tv dal 19 marzo 2021. 

Dimenticatevi The Last Dance e qualsiasi epopea sportiva di squadra che abbiate mai visto e amato: Speravo de morì prima è sul conflitto, prima interiore e poi nello spogliatoio, tra il Totti che non vuole rinunciare a essere calciatore e il mondo esterno che cerca di fargli capire che è ora di smettere. 

Come sono i primi due episodi di Raised by wolves?

Raised by Wolves è la prima serie tv di Ridley Scott e parte sul subito col piede sbagliato: androidi algidi che sembrano nascondere qualcosa di mostruosamente umano mentre sono alle prese con un mondo misterioso che sembra nascondere pericoli innominabili e parte subito il deja vu Westworld: oddio, sarà una cagata? 

Wandavision, recensione dei primi due episodi su Disney+

Wandavision è la serie tv Marvel sbarcata su Disney+ lo scorso 15 gennaio. Wanda (Elizabeth Olsen) e Visione (Paul Bettany) vivono insieme da marito e moglie in un meraviglioso mondo ispirato alle sitcom anni Cinquanta, roba come il Dick Van Dyke Show e I Love Lucy. Se aggiungiamo che entrambi hanno dei superpoteri, sembra di vedere un remake di Vita da Strega o Strega per Amore. Però si percepisce che qualcosa non quadra e che quel mondo perfetto, nasconde qualcosa di innominabile. 

La Regina degli Scacchi, recensione della serie tv Netflix

Un altro centro per le serie tv targate Netflix, anzi uno scacco matto: La Regina degli Scacchi – The Queen’s Gambit, miniserie tv in sette episodi incentrata su Beth Harmon, interpretata da Anya Taylor-Joy, bambina cresciuta in un orfanotrofio negli Usa degli anni Cinquanta, indossando sempre la stessa divisa dai divisa dai colori smunti, un’educazione severa e retrograda, vitamine e tranquillanti da ingoiare ogni sera.

Perché vedere Peaky Blinders su Netflix

Gangster eleganti si muovono nelle strade sudice di una città industriale dell’Inghilterra appena uscita dalla Prima Guerra Mondiale, luoghi maleodoranti di birra calda mischiata a piscio, incastrati tra il degrado e il fuoco dell’altoforno di un’acciaieria. È l’atmosfera di Peaky Blinders, serie tv giunta alla quinta stagione e disponibile in streaming su Netflix. Una scoperta, almeno per il vostro affezionatissimo scribacchino, lietissima nell’era dell’isolamento e del coronavirus.