Vai al contenuto

Tagphilip seymour hoffman

Le (7) cose pazze che Tom Cruise ha fatto per Mission: Impossible 

Non prenderemo in considerazione mollare Michelle Monaghan per salvarle la vita, ma Ethan Hunt, alias Tom Cruise, ne ha fatte di cose folli nell’esalogia di Mission: Impossible. La più brillante è stata certamente di legare indissolubilmente il suo nome alla franchigia, produrre e non solo recitare. Anche perché, se lui non fosse il boss, difficilmente troverebbe qualcuno che gli lasci la libertà di fare tutti gli stunt che vuole. Eh sì perché Mission: Impossible ormai fa parlare di sé anche e soprattutto per le cose pazze che Cruise accetta di girare in prima persona per ricorrere il meno possibile agli effetti speciali. 

Synecdoche, New York – La sineddoche di Charlie Kaufman

Synecdoche, New York un disperato e meraviglioso tentativo di rappresentare l’esistenza umana, senza spiegarla, senza dare speranza, senza trovare una logica, senza dare l’assoluzione che non sia una parziale ed eterna prova nel tentativo di raggiungere i nostri desideri, e appagarli e trovarne sempre di nuovi, nella continua bramosia di qualcosa che non c’è, in un insieme spettacolare ma misero nei dettagli, in un ciclo che batte il tempo con i secondi e il respiro. Un’opera bella come quando la vita ti prende a spintoni e ti fa sentire vivo. È così che la vita dovrebbe essere, oppure è, non l’ho ancora capito. Ma proverò.