Vai al contenuto

TagAnn Dowd

The Handmaid’s Tale 3: la recensione della terza stagione

The Handmaid’s Tale (trasmesso Italia in streaming e in esclusiva da TIMvision) continua ad essere uno dei contributi più importanti al nostro tempo e una delle sue letture più inquietanti. La terza stagione della serie nata dall’opera di Margaret Atwood ha alzato l’asticella e ampliato il campo da gioco. 

Annunci

Le migliori frasi e citazioni di The Handmaid’s Tale, seconda stagione – L’America al tg delle 20, in streaming

La seconda stagione di The Handmaid’s Tale è forte ed evocativa, allarga i confini della storia, parla al nostro tempo riesumando fantasmi del passato e alcuni personaggi chiave hanno preso coscienza. 

Si riparte con June/Difred in fuga. I luoghi che attraversa sprigionano tutta la loro potenza e hanno parlato direttamente alle nostre ansie: il toccante tour della sede del Boston Globe (quello de Il caso Spotlight) le cui le ferite ancora sanguinanti e sanguinose hanno raccontato la brutale repressione di giornalisti e media liberi; la tesa scena al Fenway Park, stadio trasformato da palcoscenico per partite di baseball e concerti rock in tetra scenografia da una dittatura latinoamericana, sequenze di una intensità capace di attutire i sensi e lasciare un senso di assoluta impotenza, la stessa di June/Difred legata e con il volto stretto in una museruola, la telecamera stretta su di lei che la guarda dall’alto dalla prospettiva del cappio mentre la sentenza viene pronunciata, un’immagine che rischia di alimentare il vostro sonno travagliato per mesi. 

Come è Hereditary? Cast, trama, recensione

Hereditary di Ari Aster parte così, come il classico sconsiglio immobiliare “non comprate case di legno isolate nel bosco probabilmente costruite su un cimitero indiano i cui residenti vogliono vendicarsi”. hhhhh i bei vecchi film di una volta sulle case stregate, perse in mezzo al bosco, tutte in legno, con gli scricchiolii, con il rumore, con le scarpe da togliere perché altrimenti potresti rigare il parquet, che prendono fuoco in un batter d’occhio, costruite e vendute con inclusa cantina o soffitta buia a cui si accede solo attraverso una scala in legno vecchia e tenuta su con lo sputo, polverosa e messa male.