Skip to content
Annunci

Avatar – Il nuovo cinema dentro un film d’altri tempi

avatar

avatarAl di là di tutte le speculazioni tecnologiche che accompagnano l’arrivo nelle sale dell’ultima fatica di James Cameron, c’è una cosa che va detta subito: Avatar è uno degli spettacoli più belli della storia del cinema. Il film e il mondo che vediamo sullo schermo rappresentano senza dubbio un confine e un punto di partenza per tutto quello che verrà in futuro.

Avatar dura 162 minuti che passano tutti di un fiato e il merito non è certo della storia. Lo scrivo subito: James Cameron non ha mai brillato per sceneggiature particolarmente originali. Ama raccontare gli elementi fondamentali della vita, della morte e dell’intrattenimento, e tagliare i personaggi con l’accetta: da una parte i buoni, magari alcuni un po’ burberi, dall’altra i cattivi. Non si possono avere dubbi. La storia di Avatar è chiara fin dal trailer: la Terra sta morendo, abbiamo bisogno di un minerale che abbonda su Pandora. Tra noi e la ricchezza c’è la popolazione indigena dei Na’vi. Jake Sully è un marines paralizzato a cui è offerta l’opportunità di tornare a camminare grazie agli avatar, organismi biologici in tutto e per tutto uguali ai Na’vi, da guidare in remoto attraverso un link neurologico. Ufficialmente gli avatar dovrebbero gettare un ponte tra uomini e i Na’vi, favorire la comunicazione e cercare una soluzione diplomatica al nascente conflitto; in realtà solo la forza dirimerà la questione.
Avatar è un western: Pandora è una terra di frontiera, una frontiera spaziale, e per ampi tratti il film ricorda addirittura Balla coi Lupi. Ma tutto questo non conta nulla. Come non conta il messaggio, ecologico e pacifista che c’è nella sceneggiatura. Il regista di Titanic sta alle guerre del nostro tempo come Manzoni stava all’indipendenza d’Italia. Tratta l’argomento con la grana grossa e la metafora è facilmente smascherabile. Forse troppo. Nel vedere il corpo di armata su Pandora non si può non pensare agli eserciti di invasione in Medio Oriente, soprattutto quando fa dire a uno dei suoi personaggi “se qualcuno sta seduto su una cosa che vuoi, lo fai diventare un nemico”. Tutto in Avatar è bianco e nero, è natura contro meccanica, è oscurità contro luce, “chiuso” contro “aperto” (gli umani viaggiano nello spazio forti della loro tecnologia dentro delle scatole, possono muoversi su Pandora solo con delle maschere per respirare e con degli esoscheletri blindati, mentre il collegamento con gli avatar avviene in bare super tecnologiche; spesso la cinepresa segue i movimenti di queste scatole fin nell’oscurità dei propri loculi, in contrasto con i Na’vi che vivono all’aria aperta in perfetta simbiosi con l’ambiente che li circonda); come in Titanic, Cameron crea un mondo perfetto ed elementare, dove si muovono istinti ed emozioni primordiali. Ma il punto non è la storia, non lo è mai stato. Cameron mette in piedi una nuova scenografia interamente in digitale in cui si muovono attori, pulsioni e vicende vecchie come l’uomo: quelli bravi dicono che rivoluzione di Cameron consiste nell’aver sviluppato una tecnica per vedere gli attori mentre si muovono nell’ambiente virtuale, ed è il regista, non il “mago” degli effetti speciali”, a muovere la camera dove vuole. È il suo occhio a creare l’azione, la magia, il suo sguardo si muove liberamente e ci trascina in una giostra incredibile in cui possiamo volare, schivare proiettili, girare a 360 gradi intorno a montagne volanti mentre un enorme bombardiere ci spara missili contro.
È un nuovo mondo e un nuovo cinema debitore di tanto del passato: abbiamo scritto del western ma anche lo Spielberg di “Jurassic park” (gli animali di Pandora ricordano molto i dinosauri del crichtoniano “mondo perduto”) mentre in alcuni momenti Cameron cita apertamente l’amico/collega proprio nelle vorticose scene di battaglia “a terra”. Tutto è “finto” ma tutto è perfetto come forse neanche la realtà può essere. La cinepresa si muove libera e regala momenti di intrattenimento, brividi ed emozioni, difficilmente dimenticabili, con una fluidità e una capacità di sguardo, superiore a tutto quello che abbiamo visto fino ad oggi. Anche il 3D ci consente di muoverci con maggior consapevolezza tra i diversi piani dell’inquadratura.
Ora ci vorrebbe una bella conclusione ma non c’è, sembra invece l’inizio di una bella storia.
Blog foto: bianca 2bianca****&1/2;
Fa un po’ di tutto, anche se tutto quello che fa è bello ma inutile, un po’ come la matematica pura: magari non serve, ma è sublime.
Annunci

8 thoughts on “Avatar – Il nuovo cinema dentro un film d’altri tempi Lascia un commento

  1. Ehm…no.
    Cioè, non è che per tornare all’idea di Cinema dei Lumiere tocca per forza lobotomizzarsi e cancellare un secolo di evoluzione del linguaggio.
    AVATAR è, sostanzialmente, un pachiderma ecologista basato sul nulla.
    Onestamente non mi è bastata la straordinaria esperienza visiva perchè – appunto – tutto è rimasto solo a livello retinico.
    Sono rimasto davvero sconvolto dall’infantile superficialità e dall’inesistente spessore di un giocattolone vuoto e sterile.

    Mi piace

  2. @Countryfeedback: Ma perchè fare sempre e solamente gli intellettuali e non ammettere che, come è giusto che sia, il cinema è anche intrattenimento. Che dico anche, il punto è proprio quello, poi ci possono essere lo spessore e l’arte, fondamentali, ma non sempre. Avatar è un sogno immaginifico, un intrattenimento emozionante e, sì perchè no, semplicemente infantile. Ed è bello proprio per questo.

    R.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: