Vai al contenuto
Annunci

Serial&Co(cci)/1992 e il sorriso magico di Stefano Accorsi

the avengers age of craxi
The Avengers – Age of Craxi

Prologo
Io me lo immagino l’inviato di Variety o Le Monde, rimasto entusiasta di 1992, la nuova serie tv Sky, all’anteprima berlinese. “In tv in Italia non ci sono solo le fighe ammuffite delle perpetue di Don Matteo… C’è anche sesso liberatorio e violento, belle gnocche come Miriam Leone che si concedono all’impiedi prese da dietro appoggiate a un comò. Scene importanti per la televisone  italiana imprigionata tra santi, papi, mennei e modugni”. Io lo capisco perché loro lo hanno accolto bene, 1992. Consideriamo la visione che hanno di noi all’estero: vecchie con i baffi, vestite di nero e connil fazzolettone in testa che vanno a prendere l’acqua alla fontanella sotto casa – true story, accade in Mangia, prega, ama. Il cinema italiano (e la televisione) non piace più tanto perché non siamo più esotici agli occhi degli amerigani come lo eravamo al tempo dei De Sica, dei Germi, della Loren e di Mastroianni. Volete mettere tornare a una bella ragazzona che si fa sbattere da Stefano Accorsi?

Che cosa è?
La serie televisiva pensata da Stefano Accorsi, con Stefano Accorsi sugli anni di Tangentopoli. L’idea è di miscelare personaggi di fantasia, ma che hanno comunque riferimenti con i fatti del tempo, e figure realmente esistite come Di Pietro e il pool Mani Pulite.
1992, occhi bianchi sul pianeta Itaglia
1992, occhi bianchi sul pianeta Itaglia
Che è successo?
Il primo episodio ha presentato tutti i personaggi. Stefano Accorsi è Leonardo Notte, un pubblicitario che lavora come consulente per Pubblitalia. Emerge subito come un vero talento nel suo lavoro. Dell’Utri pensa a lui per il suo futuro progetto politico. Notte è un divorziato sciupa femmine, ma l’arrivo imprevisto della figlia rischia di compromettere il prestigio dello scannatoio che ha messo su a Milano.
Bibi Mainaghi/Tea Falco è la figlia del signore degli appalti di Milano. Vive in maniera dissoluta tra feste, droghe e sesso occasionale. In discoteca incontra Luca Pastore, poliziotto che la aggancia per arrivare al padre che giudica responsabile della sua sieropositività. Il ragazzo lavora con Di Pietro e durante il suo primo giorno presso la procura di Milano si ritrova in mezza all’arresto di Mario Chiesa. Rocco Venturi/Alessandro Roja è il classico cazzone romano, anche lui poliziotto, lavora insieme a Pastore. Pietro Bosco è un ex militare, dai modi spicci e violento e che gioca a rugby il che fa sempre caratterizzazione (il terzo tempo, i valori, la biretta a fine partita). Una notte salva un dirigente della lega e sua moglie impellicciata dall’aggressione notturna di due albanesi (televisione verità! Ah la tauromachia). I media lo cercano e il leghista lo trova e gli propone di entrare in politica. Lui dapprima rifiuta, ma poi visto che nun mangia, accetta. Aspirazione delude da rugbista/leghista non sono quotate dalla Snai
Infine, ce Veronica Castello, il personaggio che con una scena e una battuta è entrata nei cuori di tutti noi. Prima la pecorina con Accorsi, poi la promessa al signore degli appalti, Mainaghi, che se la prendono in Rai “gli farà il piu bel pompino della sua vita”, l’hanno già imposta nei nostri cuori. C’è anche una storia difficile sotto: una madre, probabilmente severa, che muore e un funerale dove scopriamo che la libertina Veronica ha una sorella che successivamente sappiamo è una giornalista del Corriere della sera. Fosse più bona, farebbe pure lei i pompini per fare carriera. 
Come è stato?
Noioso, malgrado la confezione luccicante. Quella di Mani pulite è una storia nota, notissima, raccontata da giornali e televisioni, dal Corriere della sera e da Michele Santoro, perfino da Corrado Guzzanti e Serena Dandini. Purtroppo si sa tutto dei personaggi, si sa dove si va a parare (Bosco finirà in Parlamento); oppure sono poco interessanti o figure pasticciate (Bibi, interpretato da una Tea Falco che definire fuori fuoco è il minimo anche se forse sarebbe il caso di dire fuori ruolo). Meglio le figure di Luca Pastore, poliziotto che affianca Di Pietro nella sua indagine spinto da motivi personali: a causa di una trasfusione con sangue infetto è diventato sieropositivo e vuole sfruttare la sua posizione per incastrare l’industriale che reputa responsabile della sua malattia. Pietro Bosco è l’ex militare che salva un dirigente della Lega dall’aggressione notturna di due albanesi (!) e gli è offerta la possibilità di candidarsi, poi c’è Veronica, showgirl che vuole diventare una celebrità e usa il suo corpo per riuscirci.
bosco in parlamento
1992 non è un coacervo di banalità come qualcuno ha scritto: la verità è che in questo caso la realtà ha già superato la fantasia. Non solo: la cronaca è stata così approfondita che è difficile coinvolgere lo spettatore, sicuramente non dal punto di vista della trama, forse da quello emotivo, ma sarebbero stati necessari personaggi tratteggiati meglio, con penna felicata, e attori in stato di grazia, il che non sembra proprio. Per ora ci sia appassiona solo alle sveltine e al sorriso magico di Accorsi.
Quello che funziona
La colonna sonora realizzata da Boosta dei Subsonica, con le classiche chicche d’epoca.
L’allestimento funziona, come la fotografia, curata come quasi mai capita nelle produzioni televisive italiane e che contraddistinguono un prodotto Sky dalla robaccia Mediaset e Rai. Francesca di Mottola ha curato la scenografia, ha lavorato molto con Guadagnino, dal corto Diarchia, agli spot per Pomellato fino a Io sono l’amore, ma anche con Tim Burton a Sweeney Todd. Insomma il packaging è eccellente ma una volta scartato ci di ritrova con una scatola piena di fogli di giornali d’epoca appallottolati.

Spero possiate capire, non ho resistito ad affrontare nella stessa serata anche l’episodio 2. Se per caso vedevo Miriam Leone praticare il pompino promesso all’industriale non avrei retto all’emozione. Sarebbe stato duro.

miriam-leone11

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: