Skip to content
Annunci

Serial&Co(cci)/The leftovers: l’insostenibile leggerezza del “Ma che cazzo!”

The_Leftovers_serie_TVChe cosa è?
La serie di cui sapete tutto perché è finita su Novella 3000 prima del season finale.

Che è successo?
La premessa è di quelle che ti fottono il cervello: il 2 percento della popolazione mondiale è scomparso in quello che è conosciuto come il Rapimento della Chiesa: i cosiddetti giusti sono chiamati al fianco del Signore. Cazzo, sono quelli destinati al regno dei cieli e si stanno beccando i posti migliori, come quelli che pagano due euro in più per scegliersi il posto sugli aerei della Ryan Air. Aldilà delle profezie, nessuno sa cosa sia successo. A quanto pare non sono su un volo Ryan Air diretto chissà dove e, sebbene ci sia Lindelof, l’aereo non scompare per poi fare finta che siamo tutti in paradiso. Chi è rimasto cerca di scendere a patti con il dolore della perdita, mentre un gruppo di persone, i Guilty Remnant, si estraniano dalla vista, rinunciando a parlare, ai beni materiali per diventare la testimonianza vivente di quando avvenuto.

Come è stato?
Lindeloff, chi era costui? L’adattamento del libro di Perrotta – Tom non Simone, purtroppo, sarebbe meno moscio nelle ripartenze – ha un elemento di mistero (la scomparsa della popolazione mondiale) che con Lindeloff è come il cacio nella pasta cacio e pepe. Poi, come sua abitudine, la butta in caciara. E ti fa incazzare perché capisci che ci girerà intorno e che se dipendesse da lui ti menerebbe per il naso per otto stagioni, con un contentino ogni tanto giusto per far marciare la storia. Ma poi c’è l’illuminazione. Nelle riunioni degli sceneggiatori devono avere festeggiato quando sono giunti a questa conclusione: oltre al mistero, ci sono delle storie che possiamo raccontare. Raccontare la storia di alcuni personaggi, una cosa che, alcuni dicono, avviene dalla notte dei tempi.
Le storie funzionano in sé, come avveniva con le vecchie serie di Magnum P. I. Gli episodi incentrati su Matt e Nora, ad esempio si sono dimostrati dei piccoli gioielli, puntate che potevano vivere in sè, senza imbrogliare troppo lo spettatore con effetti speciali, misteri o altro.
Poi ci sono i Guilty Remnant che sono la “sveglia”: con il loro comportamento testimoniano che il mondo è cambiato e niente sarà più come prima, mentre invece il resto del mondo vuole solo dimenticare e andare avanti. Loro si sono fermati.

Siete bone, parliamone
Siete bone, parliamone

C’è la fica?
Margaret Qualley è Jill. Nella vita reale è la figlia di Andie Macdowell. Insomma, i geni sono buonissimi. Margaret sognava di fare la ballerina. Poi ha scelto di recitare. Sono sicuro che balla benissimo. Soprattutto da sola.
Confesso che Carrie Coon mi turba parecchio. Una bella milfona.

E adesso?
Siamo nelle mani di Lindeloff. Ora deve pure lavorare che il libro di Perrotta se lo è bruciato tutto.

Dove cazzo hai messo il telecomando, Lindeloff?
Dove cazzo hai messo il telecomando, Lindeloff?
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: