Skip to content
Annunci

Visioni successive/Il lato positivo di rivedere Robert De Niro e non Robert De Ignoro

il lato positivoÈ difficile seguire Il lato positivo, soprattutto all’inizio. Quasi tutti i personaggi sono ipertrofici, pieni di parole, incasinati.
Pat ha dato fuori di testa dopo aver beccato la moglie nella doccia con il collega insegnante di storia – molto più vecchio e più brutto di Bradley Cooper vorrei notare. Dopo aver riempito di botte il rivale, si è beccato un’ingiunzione, ha trascorso otto mesi in un ospedale psichiatrico; rilasciato torna a vivere dai suoi genitori convinto di riuscire a riconquistare la moglie. Per farlo è vuole dimostrare alla donna di essere un uomo cambiato, compassionevole e disposto a sostenere il prossimo e così, aiuta la vedova di un poliziotto a partecipare a una gara di ballo.
È difficile seguire Il lato positivo, soprattutto all’inizio. All’inizio è difficile stare dentro la testa di una personalità bipolare e la cifra stilistica è quella dei violenti sbalzi d’umore. Ma quando Pat/Bradley Cooper torna ad assumere i farmaci, il film prende respiro e spicca un salto. Riusciamo a entrare in connessione ai personaggi e anche la storia assume i contorni classici del riscatto personale, la ricerca e l’incontro dell’amore.
Le interpretazioni sono ok – dopo molti anni Il lato positivo è stato il primo film ad avere nominati agli Oscar in tutte e quattro le categorie per gli attori anche se la Lawrence e Cooper non mi hanno stupito (ho sempre pensato fosse più semplice fare lo schizzato piuttosto che lavorare sulle sfumature); molto meglio Jacki Weaver e Robert De Niro che, dopo qualche anno alla Robert De Ignoro è finalmente tornato con una prova al suo livello. Mi è piaciuto l’essere una commedia su due personalità bipolari profondamente inserita nella nostra realtà. Il padre di Pat (De Niro) ha perso il lavoro e si arrangia come allibratore per realizzare il sogno di aprire un ristorante; Pat era un supplente ed è stato licenziato per la vicenda con la moglie; l’amico schizzato di Pat fa i soldi con il mercato immobiliare, ha una bella moglie, un figlio e una meravigliosa casa con l’Airport di Apple installato in ogni stanza ma all’amico rivela di essere sull’orlo di una crisi, di essere vicino al punto di crollare sotto la pressione di dover mantenere questa elevato standard sociale. Perfino la scena fuori allo stadio racconta molto su una società multietnica e sulle difficoltà di integrazione anche nel sogno americano.
Bradley Cooper per l’occasione ha riciclato il taglio di capelli di Due single a nozze mentre Jennifer Lawrence fa parecchio sesso vestita tutta attillata e che parla da zozza. Ma soprattutto Robert De Niro afferma una grande verità: lui, grande tifoso dei Philadelphia Eagles insulta un suo amico sostenitore dei Dallas Cowboys: se non tifi per la squadra di football della tua città sei un traditore.

La battuta
Ci sarà sempre una parte di me a essere smandrappata e sudicia e mi piace

forrst gump**** La vita è come una scatola di cioccolatini: non sai mai cosa ti può capitare

Annunci

One thought on “Visioni successive/Il lato positivo di rivedere Robert De Niro e non Robert De Ignoro Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: