Skip to content
Annunci

Innocenti bugie – La storia di Cameron e Tom

innocenti bugieinnocenti bugieIl signore con il binocolo si aggira per la sala buia con passo minaccioso. Ogni volta che accendo la penna luminosa si agita, è nervoso. Si avvicina. Mi guarda. Io con la penna luminosa ci gioco anche un po’. Nel senso. Mi diverto a puntarla verso lo schermo, magari tutti questi man in black pensano sia una qualche strumentazione appena uscita dalla Nasa per piratare i film, magari i pessimi film anche perchè peggiore è il film, più sicurezza c’è. A Scontro tra titani c’era il metal detector: ho detto tutto.

C’era un’epoca in cui Cameron Diaz mi piaceva da pazzi. Era più o meno il tempo di The Mask: rappresentava l’emblema della bellezza, più californiana che della East coast. Sono passati circa 16 anni. Cameron ha fatto qualche film importante con qualche regista importante (Stone, Boyle, Gilliam, Jonze); Cameron ha un po’ trascinato se stessa tra film sbagliati, commediole insipide, Charlie’s Angels, qualche intuizione come nel caso dei Farrelly e “Tutti pazzi per Mary”. Una delle cose migliori rimane Shrek, in cui doppia Fiona. È come se la ragazza fosse rimasta imprigionata dalla sua stessa bellezza, cercando di nasconderla, evitarla, che abbia giocato a mascherarsi dietro la macchietta o un cartone animato…

Vabbè, ‘sto a fa il serioso…

Invece Tom Cruise non è che mi abbia mai fatto impazzire, qualche volta mi ha stupito (Vanilla sky, Jerry Maguire), qualche volta ci ha provato a fare l’attore vero con risultati alterni se non equivoci.

Vabbè, ‘sto a fa il serioso…

Dopo proprio essere stati insieme sotto un cielo color vaniglia, i due si ritrovano sotto la guida di James Mangold, uno che ha diretto qualche film che da queste parti è piaciuto molto… Copland, Ragazze interrotte, Quando l’amore brucia l’anima e – sentite sentite – Quel treno per Yuma (aho mi è piaciuto, toglietevi quell’espressione schifata dalla faccia). Però, Innocenti bugie non riesce a mantenere niente di quanto promette nel pur spettacolare trailer. Anzi, brucia tutte le cartucce proprio nel trailer. Ci sono un paio di buoni momenti, una citazione divertente dal primo Mission: Impossible ma il film langue in tutte le scene di collegamento, come se si sia cercato di dare un senso, profondo, a quello che altro non è e altro non deve rimanere che un film d’azione. In tal senso stupisce la scelta di Paul Dano, attore sublime che abbiamo amato ne Il petroliere e che qui ritroviamo nel classico ruolo del genietto che ha inventato qualcosa di troppo grande per lui, i cattivi cercano di acciuffarlo, Tom tenta di salvarlo.

Ma che cosa è successo a Paul Dano? Perchè, insomma, è un ragazzetto che ad un’età straordinariamente giovane ha già messo insieme Little Miss Sunshine, Il petroliere, tanta Broadway, insomma avevano delle aspettative su Paul. Cosa cazzo hai combinato? Ti è arrivata una partita di crack tagliata male? Sei entrato nel trip di Farmville? E a quanto pare non è un caso se è vero che hai accettato di partecipare al giocattolone di Paul Favreau Cowboys & Aliens con Harrison Ford e Daniel Craig…. sei rimasto coinvolto nel tracollo della Lehmann Brothers, Paul? Dobbiamo aprire una colletta a tuo nome e chiamara la Pausini, la Mannoia e pure la Nannini? Dimmelo Paul! Favella! Perchè non parli?

Scusate se faccio il serioso. In due parole, le cose le vedete nel trailer, il film è un po’ una palla, c’è la Diaz un paio di volte in costume da bagno che è ancora un bel vedere anche a 37 anni. È una sorta di True Lies, attualizzato. Cioè meglio di un calcio in pancia un poco peggio di Toy Story 3.

Fate vobis.

fightclub**
Ragazzi, state commettendo un grosso sbaglio.
Annunci

7 thoughts on “Innocenti bugie – La storia di Cameron e Tom Lascia un commento

  1. "anche a 37 anni", ma una quando arriva a 40 allora si uccide? Ahah.A parte questo confermi i miei pregiudizi. Dauno è un grande per i film che dici tu…si sta rincoglionendo o ha bisogno di soldi e non se lo fila nessuno?

    Mi piace

  2. Premetto che mi sono innamorata di Tom Cruise quando ero ancora in fasce, mentre per la Diaz ho qualche riserva – anche se, nonostante sia bionda, per essere gnocca è gnocca e tiene bene la prova del tempo.E va bene, Innocenti bugie non è tutto sto gran film, ma è esattamente quello che ci si poteva aspettare IMHO. Secondo me il regista (ma anche il giovanissimo e talentuoso etc etc Paul Dano) si voleva riposare e divertire un po', senza impegno. Come quando si mangia al Mac dopo aver passato una settimana a mangiare light-bio-veg-etno-chic. Ed è con questo spirito che bisogna prenderlo: a me questi giocattoloni piacciono, e non mi è parso che volesse significare qualche cosa di più. 

    Mi piace

  3. @Lilith1984: per significare qualcosa in più intendevo dire che ho quasi l'impressione che ci fosse l'ambizione di dar vita a un qualcosa che unisse la commedia sofisticata all'azione più adrenalinica. alla fine, almeno a me, la commedia e lo screwball è piaciuta, l'azione un po' meno. e in effetti il mio post non voleva neanche essere del tutto negativo.Su Tom Cruise: il problema è che quando scrivo "Tom Cruise", la tastiera mi prende la mano. il problema è che non riesco a disgiungerlo dal Tom Cruise che salta sul divano di Oprah, la Kidman, Scientology, senza contare che un nanetto megalomane alto tre mele o pochi più con manie di grandezza se non di sentirsi addirittura figlio di dio (o degli alieni ma è uguale) mi ricorda tanto un altro nanetto ma qui è meglio che mi fermo altrimenti tracimo.Insomma, questo per dire che in effetti ci sono diversi film con Cruise che adoro e amo, come Jerry Maguire e Vanilla sky tantoper dire i primi due che mi vengono in mente, ma la prima immagine che mi viene in mente è lui col giubbotto da pilota e i rayban e quello ancora non glielo perdono anche se è un peccato di gioventù. Lui ancora mi chiama nel cuore della notte per giustificarsi ma io ormai manco gli rispondo, se vuoi gli do il tuo cellulare, così scoccia te :-DDD. Tra l'altro lo reputo uno dei pochi di avere quel tipo di carisma alla "vecchia hollywood", però ora basta che ho scritto troppo

    Mi piace

  4. Sì, l'azione era troppo spesso un po' troppo fasulla a voler proprio entrare nel dettaglio. Comunque se la Holmes è d'accordo mi posso anche sacrificare diventando la consolatrice notturna di Tom, che deve soffrire tantissimo per la tua sottostima. Quando è uscito Top Gun avevo due anni e Tom Cruise era il mio ideale di uomo, almeno finché non ho scoperto che è appena più alto di me, ma, anche adesso, diciamo che ci parlerei volentieri! 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: