Skip to content
Annunci

La prima linea e l’eterogenesi dei fini

la prima linea locandina posterL’inizio è forte, in strada e ha tutta l’apparenza di essere un manifesto programmatico. La massa, unita, che lotta e grida contro i “padroni”. Poi inizia la storia di Sergio, raccontata con voce fuori campo, dai primi coinvolgimenti fino all’escalation della violenza, la scoperta dell’amore per Susanna, la missione disperata per salvarla.
Renato De Maria (che, per intenderci, è quello che in Aprile fa vedere a Moretti quanto gli resta da vivere utilizzando un metro, nonché regista di Paz!) propone un resoconto quasi documentaristico per chiudere i conti con una generazione sconfitta e che ha gettato via se stessa. Un gruppo di giovani che ha perso la strada e che, una volta impugnata la pistola, non riesce ad uscire dal gorgo della violenza: il bene non è possibile, la vittoria non riesce a fare breccia nemmeno nei sogni e qualsiasi azione finisce nel sangue anche quando si cerca di liberare i compagni senza spargimenti di sangue.
L’approccio battagliero è solo all’inizio e anche il paragone con La banda Baader Meinhof non è proponibile oltre. Nel film della Korilin c’è tanta azione, qui ci sono il dolore di un uomo e per ciò che rappresenta per una generazione. Tutta la vita di Sergio è rivista con lo sguardo triste e fisso di Scamarcio che, per inciso, ce la mette proprio tutta, e gli va riconosciuto, ma forse qui si trova con qualcosa che va al di là di ciò che ha nelle sue corde. Forse a De Maria deve essere piaciuta la fissità e la durezza dello sguardo del Nero di Scamarcio in “Romanzo Criminale” ma francamente, mentre quel personaggio non aveva sfaccettature ideologizzate, era quasi un cattivo da fumetto, Segio ha una storia e una propria idea di futuro – ancorché malato – che l’attore pugliese fatica a rappresentare. In questo, anche la Mezzogiorno convince poco ma forse per una scelta precisa: la sconfitta degli ideali, dei sogni e della guerra è un dato storico per De Maria.
La cosa che colpisce di più è ciò che sta intorno e che quelle persone non riuscirono a comprendere all’epoca, accecati dalla violenza: il popolo silente che partecipa ai funerali, le vite spezzate (bellissima la scena dell’omicidio Alessandrini, una perdita di verginità con una fotografia quasi caravaggesca anche se l’inquadratura è consumata in fretta, senza indugiare, forse per non cadere nella retorica); in quest’ottica, è l’amico Piero a commuovere, con il suo accorato appello a Sergio, oppure le carcerate che protestano per essere loro a dire a Susanna che la madre è morta. Così il terrorismo è un dato storico, fermo del tempo, sono le persone che reagiscono il vero attore sulla scena.
 
Se ve lo state chiedendo… sì, anche in questo film con Giovanna Mezzogiorno si vedono le tette di Giovanna Mezzogiorno. Non so voi, ma a me fanno sempre un certo bell’effetto.
star wars pagelle cinema film***&1/2 Non hai mai sentito nominare il Millenium Falcon?
Annunci

2 thoughts on “La prima linea e l’eterogenesi dei fini Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: