Skip to content
Annunci

Prime visioni/Judgement time con Dredd

dreddProbabilmente un film come questo Dredd del 2012 che risorge dalle ceneri del film di Sly Stallone del 1996 non sarebbe stato possibile senza il film indonesiano girato da uno scozzese pazzo, The Raid Redemption.
In quello, una SWAT fa irruzione in un palazzo che è il quartier generale di una gang criminale incazzata e armata fino ai denti per proteggere il business della droga. I poliziotti sono massacrati e ai superstiti non resta che farsi largo tra incazzatissini malavitosi armati fino ai denti per trovare la salvezza. In questo, il mondo “civilizzato” è rinchiuso in una megalopoli nel nord est degli Usa, in mano a una criminalità diffusa e fuori controllo. Qui i giudici sono polizia e magistratura, perseguono il crimine ed emettono sommariamente la condanna. Il giudice Dredd e una matricola mutante entrano in uno dei megagrattacieli che nel futuro post atomico hanno sostanzialmente sostituito le piccole città. I due giudici cagano il cazzo al boss di zona che gli scatena contro tutto il “condominio”. Il film di Pete Travis ripercorre qui i passaggi della pellicola indonesiana; mancano le arti marziali e il carisma dei cattivi. Se lì ne trovavamo una pletora di spietati e dalle capacità quasi da supervillain Marvel, qui c’e una massa indistinta che spara all’impazzata e che Dredd “giudica”. Alla fine dell’ora e mezza di film non posso dire di essermi annoiato – c’è abbastanza azione per una seratina con gli amici – ma dopo due giorni neanche posso affermare che mi siano rimaste impresse delle sequenze. Manca la fica – Lena Heady è sfregiata e Olivia Thirlby è na gatta moscia e va in giro con dei pantaloni di pelle che mi hanno fatto imprecare pensando “Certo che potevate trovare un bel culo da mettere in quei pantaloni?”; assente l’umorismo – non conosco il fumetto ma il personaggio mi sembra poco incline al battutismo; Karl Urban recita solo con la voce e con l’inclinazione degli angoli della bocca e alla fine non è tanto malaccio.

in bruges**½ Non sei andato malissimo ma neanche troppo bene… come il Tottenham

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: