Vai al contenuto

Prima visione – Ha vinto il torneo di pesca a mano di pesce gatto

fratelliinerbaFratelli in erba potrebbe essere il film dell’anno se tra meno di dieci giorni non uscisse Inception di Nolan. A dispetto della sua faccia da rimbambito, l’attore Tim Blake Nelson ha messo insieme una sceneggiatura sorprendente e ha affidato il protagonista a uno dei migliori attori in circolazione.
Edward Norton è impegnato nel doppio ruolo di due gemelli che la vita ha portato su opposti fronti dell’esistenza. Da una parte Brady che, seguendo le orme di suo padre e suo nonno prima di lui, ha impegnato tutto il suo talento e tutta la sua enorme intelligenza nel mettere in piedi una serra dove coltiva marijuana che spaccia nella profonda provincia americana; Bill, invece, ha da tempo abbandonato il paesello natale, si è rifugiato nei libri ed è un apprezzatissimo professore di filosofia alla Brown University, gli atenei rivali lo corteggiano, riviste specializzate gli dedicano la copertina.
Il film si apre proprio con una lezione di Bill, sui socratici e su come il continuo sforzo per ricercare e raggiungere una sorta di equilibrio non può che ridursi in un fallimento che ci travolgerà. Questa apertura dà il tono a tutto il film.
Il punto che rende Fratelli in erba un film davvero notevole è proprio l’equilibrio tra le sue differenti anime: la commedia – con dialoghi serrati e spigliati, in cui si parla di filosofia e di canne con naturalezza e senza mai far sembrare forzato il collegamento– con il dramma e la violenza, estremi e improvvisi.
Qui Tim Blake Nelson vince e, personalmente mi ha sorpreso perchè, confesso, a guardarlo in faccia non gli avrei dato due lire. Gioca con i classici del teatro antico come I menecmi di Plauto; richiama grandi filosofi con naturalezza e senza mai far cadere lo spettatore in una sterile disquisizione letteraria, ma sporca nel fango dell’Oklahoma Heidegger, Socrate, Platone; tira fuori Walt Whitman, in un accostamento che francamente mi ha toccato essendo da sempre il mio mito letterario. Tutto in un continuo confronto e ricerca sulla natura della vita, sulla necessità delle regole per il raggiungimento della felicità ma anche nella constatazione che raggiungerla è impossibile e che a volte per avvicinarsi le regole vanno rotte, ignorate, oltrepassate, anche se, l’infrazione verrà pagata. In tutto è sottesa l’inutilità di qualsiasi ricerca o atteggiamento o rito consolatorio come la religione o la logica, perchè l’unico modo per non aver paura di questo spaventoso evento temporalesco che è la vita non è studiarlo sui libri, scritti da dio o da un altro essere umano, ma starci dentro, bagnarsi, pescando a mani nude dal fondo di un fiume, ferirsi ma viverlo fino in fondo.

 
bianca 2****½
Fa un po’ di tutto, anche se tutto quello che fa è bello ma inutile, un po’ come la matematica pura:magari non serve, ma è sublime.

5 pensieri riguardo “Prima visione – Ha vinto il torneo di pesca a mano di pesce gatto Lascia un commento

  1. guarda, appare in tre scene e fa la solita parte della mamma alternativa che si scontra con un figlio che avrebbe voluto crescere con delle regole… niente di ke. Norton è bravissimo ma questo non fa quasi più notizia. vai presto a vederlo 🙂

    "Mi piace"

  2. Visto venerdì e sinceramente mi è paciucchiato…avrei calato una stella, dato che a mia impressione le parti drammatiche erano un po' "ovattate"…le ho trovate un po' poco marcate, leggere, poco intense, ma comunque film vedibile…Ivano

    "Mi piace"

  3. pensa che ha me ha sorpreso la brutalità improvvisa. poi, è vero, forse certi momenti sono vissuti anche con un intento ironici come il duello a colpi di menorah… certo che, l'intendimento non era di girare duelli al rallentatore, alla john woo. poi, forse ho un po' esagerato il voto, mi ha commosso il riferimento a walt whitman. forse èstato quello.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: