Vai al contenuto

Tagregisti

Intercettazione telefonica: Suburra, epica metafisica dell’attore e dell’autore porno

Stefano mio, me fa piacere. ‘Nfatti, te devo confessà na cosa: Io me sento un attore porno, me stanno stretti ‘sti ruoli drammatici, le commedie dolce-amaro, fa incazzà la gggente. Guarda Acab, co te, m’è piaciuto perché era un film estremo senza mediazioni. Secondo me, te sei perfetto pe famme fa un’esperienza pornografica. Del resto la gente in Romanzo criminale la facevi trombà!