Vai al contenuto

Visioni (di molto) successive – La fontana dell'ammore

thefountainAronofsky fa un cinema che mi ingrifa: non ha paura di fare un cinema lento, di trattare argomenti cerebrali, di incasinare un po’ la trama e di far credere alla gente che non sta capendo quello che vede. Poi decide di farlo con un paio di attori molto fighi: è fica Rachel Weisz, la moglie di Aronofsky, ed è figo Hugh Jackman che ogni tanto ci prova a far credere che non è tipo da X-men o da commediole melense.

L’albero della vita è un film che va approcciato con un certo rispetto, non aspettandosi The Wrestler: quello era un film che prebdeva allo stomaco e al cuore, questo è tutto cervello e pippe mentali. Tanta carne al fuoco, scienza, reincarnazione, religione, leggende maya, storia per, alla fine, essere un film fondamentalmente sull’ammore.

Se sarete pazienti, sarete ripagati.

4 buono****
la vita è come una scatola di cioccolatini: non sai mai cosa ti può capitare

2 pensieri riguardo “Visioni (di molto) successive – La fontana dell'ammore Lascia un commento

  1. Per me, quando Aronosfki stava girando questo filmsi era "fatto" con lo "spic&span"!(come dice Stefano Disegni su CIAK)Dire "assurdo" è fargli un complimento!Peccato perche "Westring" non era male(anche se assomiglia a una versione "moderna" di Rocky(uguale, solo ambientato nel 2000 con il wrestling al posto della boxe)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: