Vai al contenuto

Tagevidenza

Spider-Man: Far From Home. Volevo essere John Hughes e invece sono Spider-Man

Spider-Man Far From Home porta i personaggi “lontano da casa”, tra Venezia, Praga e Berlino. Il tono è quello dei teen movie anni Ottanta, i problemi sono quelli di chi si apre al mondo, adolescenti costretti a essere sempre più coscienti di se stessi e di ciò che li circonda per merito (o colpa) dei social network, che vanno in vacanza e vogliono rimorchiare, vivono i primi piccoli flirt con le compagne di classe, in fretta diventano l’amore della vita, un fuoco che subito si spegne.

John Wick 3: Parabellum. John Wick è tornato e punta alle palle 

John Wick 3: Parabellum è un videogame: il nostro eroe passa attraverso livelli e difficoltà, corpo a corpo, pistolettate, fughe e inseguimenti in diversi ambienti e con diverse metodologie di azione. Un colpo di pistola in testa non è mai sufficiente per uccidere qualcuno, come se ogni personaggio avesse una barra di energia da cui ne dipende la sopravvivenza.

Captain Marvel, la recensione: le più grandi Marvel-bombe di sempre

Captain Marvel, le stigmate della supereroina destinata a salvare quel che resta degli Avengers, riportare indietro il tempo su una Delorean (“ehi ti ricordi quel vecchissimo film in cui uno sfigato cercava di far mettere insieme i genitori?”), andare a recuperare i leftovers del pianeta Terra ovunque siano nascosti, senza birra, barzellette, martelli di Thor o battute strafottenti.

Noi siamo noi, ma chi cazzo siete voi? La recensione doppione

Noi, il nuovo film di Jordan Peele, è il primo dopo il clamoroso successo di Scappa – Get Out; inizia così, con una famigliola afro-americana che va a trascorrere una vacanza al mare, l’incomunicabilità genitori-figli, le tensioni tra moglie e marito e con gli amici-vicini con cui fare a gara a chi ha la macchina più grossa. Delle normali esistenze americane del cazzo. 

Highwaymen – L’ultima imboscata: Assassinii e prostata. La recensione

Due vecchi Texas Ranger male in arnese sono richiamati in servizio per dare la caccia agli inafferrabili Bonnie e Clyde. Pedinamenti, appostamenti, intercettazioni e perfino il controllo aereo non portano a nulla, i due super criminali dell’America degli anni Trenta continuano a sfuggire a polizia e FBI come acqua tra le dita. Così la governatrice dello Stato del Texas – sì, avete letto bene, una donna e la interpreta Kathy Bates – pensa bene di ricorrere a chi non va troppo per il sottile.