Vai al contenuto

La solitudine del primo episodio #9

La magia nun basta: nun so fiche pe’ gnente

Once upon a time 2

Che cos’è (potrebbe contenere spoiler)
La Regina Cattiva ha lanciato una maledizione nel Paese delle Favole costringendo tutti i personaggi a vivere nella realtà, la nostra realtà, ed esattamente a Storybrooke, nel Maine.

Come è?
Mah, lo vedo perchè piace a mia moglie. Lo trovo abbastanza noioso.

Il primo episodio?
La nuova stagione sembrava promettere qualcosa, più azione ad esempio, perchè la magia è finalmente tornata a Storybrooke e tutti i cattivi sembrano abbastanza incazzati e disposti a darsi battaglia lasciando sul campo nanetti e fatine. Però il primo episodio ci ha fatto vedere solo un duello con un’ombra a suon di scope usate a mo’ di lanterna.

C’è la fica?
Mah. Dana Parrilla non è male mah…

Boss 2

Che cos’è (potrebbe contenere spoiler)
Political drama che narra le vicende di Tom Kane, “Boss” di Chicago, città di cui è il sindaco e la sua lotta contro appaltatori, subappalatori, rivali politici, la moglie, la figlia, dipendenti e soprattutto una rara malattia neurologica che lo porterà alla morte oltre a distruggere il suo corpo e devastare la sua mente.

Come è?
Francamente, io non riesco a staccarmene. Innanzitutto per come è girata – nervosa, elettrica, piena di inquadrature di sbieco che sottolineano l’anima demoniaca di quasi tutti i personaggi… ok senza il quasi – poi per come è scritta: Boss è un realistico squarcio sulla politica americana, quella degli affari. Se in The Newsroom, Aaron Sorkin racconta come vorrebbe la politica a stelle e strisce, Boss è puro realismo e puro pessimismo.

Il primo episodio?
Kane ha delle nuove battaglie: prepara la posa della prima pietra del progetto di ampliamento dell’aeroporto ma è già alle prese con un nuovo progetto che coinvolge uno dei suoi rivali più accesi. Arrivano nuovi personaggi per sostituire quelli che, in un modo è nell’altro, sono stati “destituiti”, mentre sulla scena appare la rivale di Zajac per la carica di governatore, la senatrice Walsh. Un personaggio che sembra prendere sempre più quota è la moglie di Zajac mentre Kitty promette di essere la pietra angolare di molti sviluppi: la sua gravidanza, i suoi rapporti irrisolti con il sindaco, quelli con Zajac e il possibile avvicinamento di Miller, il direttore di The Sentinel a lei.
Poi c’è il colpo di scena finale.

C’è la fica?
Oh yes. Premesso che Connie Nielsen con i suoi anni dà ancora una pista a un mucchio di sgallettate, da tenere assolutamente d’occhio è Kathleen Robertson che, vorrei ricordare, durante la prima stagione era più alle prese su come calarsi il tanga in qualsiasi situazione, anche la più scabrosa, per soddisfare quello stallone di Zajac. Speriamo che la gravidanza non ne limiti l’esuberanza. Anche la moglie di Zajac, Maggie (Nicole Forester) e la figlia di Kane (Hannah Ware) sono da tenere assolutamente d’occhio.

Dexter 7

Che cos’è (potrebbe contenere spoiler)
Il serial killer dei serial killer. Si presentava così qualche anno fa la serie che prometteva di cambiare la televisione. Sei serie dopo non sono sicuro che ci sia riuscito. Di certo, Dexter si è lasciato alle spalle una lunga scia di cadaveri e vetrini.

Come è?
Dopo il disastro della sesta stagione aspetto al varco la settima. Debra ha scoperto Dex un attimo prima di confessare il suo amore e, come penso sappiate, non c’è bugia che una donna innamorata non sarebbe disposta a bersi.

Il primo episodio?
Un brodino caldo per Dexter. Gli sceneggiatori si stanno giocando tutte le carte per far diventare Debra ancora più odiosa e preparare il momento della separazione. Ok, sto andando alla cieca ma Debra è davvero una scassacazzi. Però Dexter continua ad essere fonte di suggerimenti. Ad esempio: penso che tutti debbano avere una borsa per la fuga.

C’è la fica?
No, ormai, da quel punto di vista la serie è in coma irreversibile anche se lo strip club dove la polizia di Miami fa un’irruzione sembra promettere più che bene.

Continuerò a vederlo?
Dex ormai è un amico e non si abbandonano gli amici nel momento del bisogno. Se solo ci fosse un po’ più di gnocca (aggiornamento, le mie preghiere sono state esaudite nel secondo episodio).

2 pensieri riguardo “La solitudine del primo episodio #9 Lascia un commento

  1. Boss purtroppo me lo sono perso (ho visto solo il pilot della prima stagione) e mi sto ancora mangiando le mani. Dexter ormai mi sta sul cazzo (proprio lui come personaggio, non il telefilm). Cioè se prima vedevo il suo carismo, il suo fascino, la sua ambiguità ecc…adesso vedo solo una faccia da idiota che pensa e dice sempre cose idiote. Però tutto sommato anche io gli voglio bene ormai. E poi, niente può essere peggio della sesta stagione…

    "Mi piace"

    • Boss recuperalo, tra l’altro sta andando su Rai3, se non sbaglio il mercoledì.
      La settima di Dexter non è male, io ormai odio Deb e dopo il divorzio da Michael C Hall è pronta per finire sul tavolo avvolta nella plastica

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: